GOMITO DEL TENNISTA

Esistono sport come il tennis, il golf, o la pallavolo che consentono di essere praticati per molti anni.

 
 

demo3

A volte può succedere che il ripetuto utilizzo del braccio dominante, s’infiammi costringendo lo sportivo a lunghe pause o peggio, alla sospensione prolungata dell’attività esercitata.

 

Anche nel mondo lavorativo quotidiano, possiamo riscontrare gli stessi problemi. Basti pensare a lavori manuali come quello dei muratori o degli elettricisti o più semplicemente coloro i quali passano molte ore alla tastiera di un computer.

Da qui le patologie più comuni quali:

  • – Epicondilite o “ gomito del tennista”

  • – Epitrocleite

  • – Eventi traumatici con esiti di rottura

Rimedi validi al fine di contenere i sintomi, quali cerotti antalgici e impacchi freddi, non risolvono però la causa. Il nostro Centro ti guiderà con un ciclo terapeutico specifico.

Il trattamento prevede le seguenti terapie:

  • – Terapie fisiche (laser ad alta potenza, tecar terapia ed onde d’urto focali)

  • – Esercizio Terapeutico per la completa ripresa della funzionalità articolare e del gesto sportivo.

  • – Terapia manuale.

 

Per maggiori informazioni:


Terapia manuale

 

La Terapia Manuale è una specializzazione riconosciuta internazionalmente che utilizza tecniche manuali nell’esame, trattamento e prevenzione di disturbi e disordini funzionali, nella postura e nell’attività gestuale.
 Il Terapista Manuale risolve disturbi funzionali articolari muovendo segmenti del corpo, in modo da migliorarne la mobilità ed eliminare i sintomi negativi ed il dolore. Tutto ciò viene chiamato mobilizzazione passiva.
Il Terapista Manuale tratta anche i disturbi funzionali dei muscoli utilizzando tecniche di stretching speciale, di rilasciamento e di massaggio.
 Al fine di prolungare aumentare e mantenere gli effetti di tali tecniche manuali, il Fisioterapista insegna esercizi attivi specifici fornendo una corretta assistenza nella loro esecuzione.

 

Laser YAG

 

La radiazione laser, penetrando i tessuti, provoca delle reazioni biochimiche sulla membrana cellulare e all’interno dei mitocondri che inducono diversi effetti tra i quali:

    • vasodilatazione, con conseguente aumento del calore locale, aumento delle richieste metaboliche cellulari, stimolazione neuro-vegetativa e modificazione della pressione idrostatica intra-capillare;

    • aumento del drenaggio linfatico: aumento dell’efficacia della pompa sodio/potassio, stabilizzazione ionica trans-membranica, maggior assorbimento dei liquidi interstiziali; attivazione del microcircolo grazie ad un maggior apporto nutrizionale con riequilibrio del bilancio funzionale;

    • stimolazione metabolica: per accelerazione del processo di trasformazione dell’ATP in ADP+P e del ricambio elettrolitico tra gli ambienti intra ed extra cellulari, aumento della concentrazione di acidi nucleici e di aminoacidi;

lieve modificazione del pH intra ed extra cellulare.

L’effetto antalgico è ottenuto grazie all’azione analgesica indotta dall’aumento della soglia di percezione delle terminazioni nervose algotrope e dalla liberazione di endorfine.

 

Cosa cura la laserterapia?

Gli ambiti in cui la laserterapia ottiene ottimi risultati sono moltissimi:

  • Patologia arto-reumatica: artrosi della colonna, artrosi al ginocchio (gonartrosi), artosi all’anca (coxartrosi);

  • Condizioni dolorose alla schiena: dorsalgie, lombalgie e lombosciatalgie; poliartriti di mani e piedi;

  • Condizioni dolorose al tratto cervicale: uncoartrosi, torcicollo, cervicalgia, cervicobrachialgia, colpo di frusta; Miositi, polimiositi e polimialgia;

  • Condizioni dolorose di polso e mano: sindrome del tunnel carpale, tendinite di Dupuytren, Tendinite di De Quervain, dito a scatto;

  • Traumatologia sportiva

  • fasciti plantari e metatarsalgie;

  • distorsioni di caviglia e ginocchio;

  • Infiammazione del corpo di Hoffa;

  • borsite. Ci capita spesso di trattare borsite perirotulea, borsite alla spalla e borsite al gomito.

  • patologie infiammatorie al gomito: gomito del tennista (epicondilite) e gomito del golfista (epitrocleite);

  • contusioni, edemi ed ematomi;

  • stiramenti e strappi muscolari. Nel calcio è molto frequente lo strappo muscolare ai muscoli del polpaccio o degli ischiocrurali (che sarebbero i muscoli posteriori di coscia); nel crossfit è molto comune lo strappo del muscolo bicipite; negli sport da salto come la pallavolo capita spesso di avere strappi nel muscolo quadricipite.

 

Terapia riabilitativa

riabilitazione motoria articolare dopo la rimozione di apparecchi gessati o interventi chirurgici ortopedici come:

  • Ginocchio: ciclo fisioterapico post-operatorio a seguito di un intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore;

  • Gomito: ciclo fisioterapico dopo rimozione placca con viti, utilizzata per una frattura scomposta dell’olecrano;

  • Polso: ciclo fisioterapico post-traumatico dopo un’immobilizzazione con gesso per una frattura composta del radio;

  • Caviglia: ciclo fisioterapico post-traumatico dopo un’immobilizzazione di 30 giorni per frattura del malleolo mediale.

 

Onde d'urto

 

Terapia non invasiva ed estremamente efficace su particolari tipi di patologie.
L’applicazione di queste terapie comporta tempi relativamenti modesti e si esegue in poche sedute.

 

Terapia miofasciale

 

Il massaggio miofasciale è una tecnica di terapia manuale che non lavora sui muscoli ma tra i muscoli(cioé sulla fascia che li riveste).

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi